Obama e McCain interrogati in scienze

Un gruppo di sei cittadini americani – due sceneggiatori, un biologo marino, un giornalista scientifico, un filosofo e un fisico – ha deciso nel novembre scorso di definire un elenco di domande sulla scienza da sottoporre ai candidati alle presidenziali USA.

Hanno battezzato questa iniziativa “ScienceDebate2008“, e raccolto in poche settimane l’adesione di oltre 38.000 cittadini, in gran parte scienziati e ingegneri, e di tutte le principali istituzioni scientifiche d’America, che hanno suggerito oltre 3.400 diverse domande.

I promotori hanno quindi selezionato e raggruppato le domande – in concerto con le principali organizzazioni aderenti – giungendo a una lista di 14 “top questions” per i candidati alla Presidenza, che sono stati invitati a fornire una risposta scritta da pubblicare in rete e a discuterne in un dibattito televisivo.

Le domande toccano i seguenti argomenti: innovazione, mutamenti climatici, energia, educazione, sicurezza nazionale (come poteva mancare?), pandemie e biosicurezza, ricerca genetica, cellule staminali, salute degli oceani, acqua, spazio, integrità scientifica, ricerca e salute.

Continua a leggere

Annunci

Poveri pesci, avvelenati fin da piccoli dal DHMO

E’ un killer invisibile, che penetra ovunque e di cui si trovano quantitativi più o meno abbondanti in ogni angolo del pianeta. Il complesso nome chimico è Monossido di Diidrogeno, in sigla inglese DHMO.
Come spiega nel suo blog Dario Bressanini, citando il “Material Safety Data Sheet“:

Il Monossido di Diidrogeno è un prodotto non regolamentato, ma reagisce violentemente con alcuni metalli, come il sodio e il potassio. Con il fluoro e con alcuni agenti disidratanti come l’acido solforico. Forma un gas esplosivo con il carburo di calcio. Si raccomanda di evitare il contatto con materiali di cui non si sia prima verificata la compatibilità.

E più avanti:

  • E’ il componente principale delle piogge acide.
  • Contribuisce all’effetto serra
  • Contribuisce all’erosione del suolo e dei paesaggi naturali
  • Viene usato ampiamente negli impianti di produzione dell’energia nucleare
  • Viene utilizzato come solvente industriale
  • E’ stato ritrovato nelle cellule tumorali di pazienti terminali
  • Può causare ustioni anche di terzo grado

Raccomando a tutti la lettura dell’ampio e circostanziato post di Bressanini, capace di togliere finalmente il velo da questa minaccia ubiqua e in grado di evocare scenari talmente inquietanti da far scorrere un brivido gelido lungo la schiena: una vera doccia fredda.

In Nuova Zelanda – in cui la sostanza è stata trovata in enormi quantità in molti prodotti ittici venduti liberamente nei supermercati – una parlamentare ha già aderito alla campagna per la messa al bando, e sarebbe bello sapere che cosa ne pensano i candidati premier nostrani.

La messa della siccità – (Giornata mondiale dell’acqua)

Ieri era la giornata mondiale dell’acqua, e proprio ieri sono riuscito a terminare il montaggio del Kyrie della “Messa della siccità” (citata secondo Google in oltre 500 pagine) che il coro Cantosospeso di cui faccio parte ha eseguito insieme al coro fratello di San Paolo del Brasile, la Comunidade Coral Luther King (entrambi sono diretti dal M° Martinho Lutero Galati de Oliveira).

L’opera è stata eseguita insieme al suo compositore, Danilo Guanais originario del Rio Grande do Norte (il chitarrista a sinistra con la barba, l’altro è Alvaro Barros), e alla promozione della serie di concerti tenuti in Italia tra Natale 2007 e la Befana 2008 hanno partecipato attivamente le realtà impegnate sul tema dell’Acqua bene comune, risorsa da preservare, diritto e bene prezioso di tutti gli esseri umani, tra cui Acea Onlus, Deafal ong, FMA-Puntorosso, Comitato Italiano Contratto Mondiale sull’Acqua, Coordinamento Lombardo Acqua, Comitato Acqua Monza e Brianza, Comitato Milanese Acqua.

Continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: