Fidarsi è bene

Leggo che il New York Times attribuisce al sindaco Bloomberg, appassionato di statistica, dati e cifre, questa frase divertente, che però gira da tempo sul web, senza che nessuno sia riuscito ad attribuirla con precisione.

Da agnostico, non posso che confermare che crederò all’esistenza di dio solo se e quando mi farà la cortesia di mostrarmisi personalmente…

Ecco la mia classifica dei paesi in cui si vive meglio

L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) ha realizzato un interessante esperimento online associato a un sofisticato strumento interattivo che permette a ciascuno di attribuire un’importanza maggiore o minore ai parametri che normalmente vengono monitorati dalle scienze sociali, così da ottenere il proprio indice sintetico della qualità della vita e di riflesso la classifica dei paesi aderenti all’OCSE.

Io prima ancora di leggere i materiali informativi ho voluto assegnare le mie priorità a ciascuno degli 11 parametri (nella tabellina) senza pensarci su troppo, prendendolo come un gioco, ma alla fine il sistema mi ha chiesto di indicare sesso, fascia di età e paese, perché evidentemente chi ha messo in piedi questo sito sa che qualsiasi indicatore sintetico è più affidabile se gli scienziati riescono a tenere conto anche del punto di vista dei non esperti.

A Milano centro, vota Sergio Violante

Il mio amico Sergio Violante, di cui conosco da tempo la capacità, la serietà e la bontà delle idee, si candida con il PD per il ruolo di consigliere di zona 1, Milano centro.
Se vivessi in zona 1 voterei sicuramente per lui – tanto che l’ho con estremo piacere aiutato per realizzare il volantino e il blog violantezona1.wordpress.com – e raccomando a tutti i residenti della zona 1 di fare altrettanto, per arricchire il Partito Democratico di nuova linfa e portare avanti nuove idee per la Zona 1 e per Milano.

In bocca al lupo Sergione!

SCOOP: Ecco svelato il segreto sulla “relazione stabile” di Berlusconi

Culetto Rosa: ecco il nome e un’immagine rubata di quella che, secondo autorevoli indiscrezioni, è la passione segreta che ha portato alla rottura definitiva tra Veronica Lario e Silvio Berlusconi, su cui l’Italia intera si interroga da ieri.

 

In effetti, secondo alcune malelingue nella relazione di Berlusconi non sembra essere stabile neanche il Rosa: qualunque colore va bene, purché sia abbastanza giovane da meritare il vezzeggiativo.

Illegittimo impedofilimento

Chissà se L’arcivescovo Rino Fisichella, pur di prendere le parti di Berlusconi, tornerà a sottolineare l’importanza del contesto.

Potrebbe dire una cosa tipo «Di notte tutte le vacche (le tope, le passere) sono nere».

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: