Ecco il bigino per non scrivere idiozie sull’Università

Non è affatto facile capire come funziona oggi l’Università italiana, e quindi cogliere con chiarezza le ragioni e i torti di un sistema a dir poco ingarbugliato, e i motivi del malessere ormai da tempo sfociato in varie forme di protesta. Per chi, come i giornalisti, deve anche cercare di spiegare tutto con poche parole, l’impresa è spesso ardua, e il risultato insoddisfacente.
Per questo trovo molto intelligente e utile il “kit” messo a punto dal Coordinamento dei ricercatori di Pisa, e distribuito online in formato PDF con questa premessa:

Kit del giornalista

Comprendere il funzionamento dei meccanismi che regolano l’università italiana non è impresa facile, tanto che a volte alcune sottigliezze sfuggono anche a chi nell’università ci lavora. Ciò è dovuto al fatto che, nel tempo, si sono succedute diverse leggi e regolamenti: in particolare negli ultimi 15 anni l’università ha subìto una vera e propria overdose di riforme, in genere rimaste incompiute, che si sono stratificate una sull’altra. Di conseguenza capita abbastanza spesso di leggere resoconti giornalistici contenenti imprecisioni le quali, sovente, rendono la situazione ancora più confusa di quanto già sia.

Abbiamo pertanto ritenuto utile allestire questo kit del giornalista, ovvero una sorta di cassetta degli attrezzi pensata per tutti quelli che oggi scrivono e parlano di università, ma che forse non l’hanno mai conosciuta a fondo dall’interno (se non come utenti).

Il kit è composto da un glossario e da alcuni brevi approfondimenti che rimandano – per lo più – a link ufficiali, siano essi italiani o internazionali. Il nostro scopo è quello di fornire uno strumento per orientarsi in questa selva di informazioni verificando direttamente le fonti.

Riteniamo che l’università, come luogo di rielaborazione critica del sapere, sia un prezioso patrimonio della collettività; proprio per questo è di enorme importanza fare in modo che il dibattito sul futuro del sistema universitario sia comprensibile anche al di fuori della ristretta cerchia degli addetti ai lavori.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: