Non c’è nesso tra vaccini e autismo: uno studio di Pediatrics

Oggi è stato pubblicato online un articolo che uscirà su Pediatrics di ottobre, che ha valutato su oltre mille bambini (precisamente 256 affetti da autismo e 752 sani) la relazione tra l’esposizione ai vaccini – e in particolare al thimerosal contenuto in alcuni di essi – e il rischio appunto di essere colpiti dall’autismo. L’articolo può essere scaricato in full-text anche dai non abbonati.

La conclusione fornisce nuovi e più chiari elementi rispetto agli studi precedenti, ed è chiarissima:

Conclusions In our study of MCO members, prenatal and early-life exposure to ethylmercury from thimerosal-containing vaccines and immunoglobulin preparations was not related to increased risk of ASDs.

In sostanza, la famiglia di un bambino autistico che scopre che in una delle vaccinazioni ricevute c’era il mercurio può avere legittimamente motivo di sospettare, ma per rispondere al quesito in termini scientifici si capovolge la questione, e si verifica su un campione di bambini autistici quanti di loro hanno ricevuto un vaccino contenente mercurio: così facendo, si è scoperto che non c’è nessuna relazione tra l’autismo e la precedente esposizione al mercurio contenuto nel thimerosal.

6 Risposte

  1. Fanno rprio ridere questi stuti “pilotati”, si, in quanto NON sono fatti secondo i crismi scientifici, che dovrebbero prevedere il confronto fra bambini vaccinati e bambini MAI vaccinati di nessun vaccino, per avere dei VERI DATI da confrontare, invece questi studi finanziati dalle case farmaceutiche, confondo le carte e confrontano bambini vaccinati con banbini vaccinati (detti impropriamente sani)
    Cosi’ si falsificano i dati pur di fare gli interessi di Big Pharma

    DANNI dei VACCINI

    In sintesi ecco cosa provoca l’inoculazione di un qualsiasi Vaccino in un corpo umano od animale:
    E’ il principio vaccinale stesso (introduzione di sostanze eterologhe=estranee) che deve essere rimesso in totale discussione in quanto portatore, con le varie sostanze altamente tossiche ed invasive e quindi destabilizzanti, introdotte con qualsiasi vaccino, di:
    – ischemie (vedi qui sotto l’articolo con le foto dimostrative) occlusione di determinati microcapillari del sistema circolatorio sanguigno – vedi: Danni cellulari dai vaccini
    – Intossicazioni per mezzo delle tossine contenute nei vaccini per mezzo degli adiuvanti, contaminanti (piu’ o meno occulti, inseriti per errore od intenzionalmente dal produttore – vedi Baxter) che sono sostante pericolose, cancerogene (es. formaldeide), nanoparticelle, porzioni di DNA eterologo=estraneo dei virus vaccinali=proteine complesse a DNA, ecc. si creano anche delle reazioni immunitarie innaturali
    – infiammazioni a livello cellulare, tissutale e successivamente organiche o sistemiche, generando malassorbimento e malnutrizione e con il tempo anche malattie degenerative anche in eta’ adulta. Queste infiammazioni producono anche di conseguenza la ionizzazione anormale dei tessuti, per cui questi tessuti vanno deionizzati.
    – immunodepressione od immuneccitazione e/o Malattie autoimmuni che perdurano per tutta la vita del soggetto, se non utilizza la Medicina Naturale.
    – mutazioni genetiche mitocondriali – vedi (A) + Universo Bambino – le mutazioni genetiche identificabili, sono trasmissibili alla prole.
    – alterazione del metabolismo cellulare, ciclo di Krebs, e quelle del pH del citoplasma, con immediate alterazioni delle funzioni cellulari (sintesi delle proteine e duplicazioni del dna) per lo stress ossidativo indotto, che puo’ divenire il piu’ importante fattore di destabilizzazione nutrizionale.
    – danneggiamento della “via di Wnt”: la via di Wnt coinvolge tantissime proteine che possono regolare la produzione di Wnt che segnalano le molecole, le loro interazioni con i ricevitori sulle cellule dell’obiettivo e le risposte fisiologiche delle cellule dell’obiettivo che derivano dall’esposizione delle cellule al extracellulare Wnt ligands
    – intasamento della via Linfatica e dei linfonodi, con conseguenti infiammazioni ed ingrossamento di questi ultimi.
    I linfonodi sono filtri biologici in grado di intercettare e distruggere eventuali germi, sostanze estranee o cellule neoplastiche presenti nella linfa, ma se questi canali + linfonodi, sono sovraccaricati dalla quantita’ e qualita’ di tossine circolanti (esempio quelle provenienti dai Vaccini), essi si infiammano e si ingrossano; se nella linfa che giunge al linfonodo, sono presenti sostanze estranee all’organismo, microrganismi estranei, sostanze tossiche o cellule anomale, come quelle presenti nei Vaccini, i linfociti reagiscono producendo anticorpi specifici prodotti dai linfociti B, contro la sostanza estranea che minaccia l’organismo;
    Questo meccanismo di depurazione naturale se viene intasato da sostanze tossiche abbondanti e varie, ecco che i vasi e canali linfatici, specialmente i linfonodi che hanno dei vasi piu’ piccoli, si intasano non riuscendo a smaltire normalmente la sovrabbondanza di tossine.
    – intasamento della “via Purinica” o via di recupero, cioe’ disordini del metabolismo delle Purine; questo processo, che si ritiene essere universale, fa uso di basi e nucleosidi preformati o derivanti dalla degradazione degli acidi nucleici.
    Le basi puriniche e pirimidiniche sono costituenti dei nucleotidi. Nella cellula, i nucleotidi hanno funzioni importanti: energetiche (ATP è la moneta corrente per tutti gli scambi energetici della cellula), formano parte della molecola dei coenzimi NAD e FAD (i trasportatori di elettroni nelle reazione di ossido-riduzione del catabolismo ossidativo) e sono le unità costitutive degli acidi nucleici (DNA e RNA).Le basi puriniche sono formate da 2 anelli condensati, mentre le pirimidiniche hanno un solo anello.
    Sono dette “basi” perché alcuni azoti possono protonarsi (diventare H+) sottraendo H+ dalla soluzione.
    Le alterazioni endocellulari e quelle del sistema enzimatico, soprattutto dell’apparato gastrointestinale, infatti nel tubo digerente nei bambini vaccinati viene alterata ad esempio la funzione della via purinica nel coordinamento della peristalsi.
    Queste alterazioni ed intasamenti prodotte da tutti i vaccini determinano il malfunzionamento anche della “via purinica di recupero”.
    – alterazione delle funzioni intestinali con: modifica del pH digestivo (+ rH e ro’), alterazione del sistema enzimatico, flora batterica autoctona, generando malassorbimento e di conseguenza malnutrizione sopra tutto cellulare, senza contare l’eccitazione (ionizzazione) della mucosa intestinale, sul sistema immunitario, sui villi, e sulle terminazioni nervose, anche per le acidosi indotte dall’introduzione delle sostanze vaccinali !
    – malnutrizione cellulare e corporea + Disfunzioni dello Sviluppo ecc., ecc….
    – evidenziazione ed osservazione di sintomi i piu’ disparati, cioe’ qualsiasi tipo di sintomo (malattia).

    Il tutto, oltre al fatto che la vaccinazione viene somministrata con vaccini che sono, da bivalenti fino ai piu’ recenti esa (6 vaccini) ed epta valenti (7 vaccini), propinati in una sola vaccinazione pur NON conoscendo i DANNI SINERGICI con i vari vaccini inoculati tutti assieme in un’organismo…. di cui in Italia, solo 4 sono obbligatori…..gli altri, che sono facoltativi, sono propinati e spacciati come obbligatori….non potendo avere vaccini non esavalenti od eptavalenti, perche vi sono in commercio SOLO questi ultimi !

    Conclusione:
    NON esiste malattia che non possa essere sviluppata e regalata anche alla prole, con i vaccini !…insomma qualsiasi malattia puo’ essere indotta dai vaccini, grazie a Big Pharma ed ai medici vaccinatori !
    Tratto da http://www.mednat.org/vaccini/dannivacc.htm

    G. Paolo Vanoli – Giornalista (Albo speciale) — Consulente in Scienza della Nutrizione e Medicine Naturali
    webmaster di: http://www.mednat.org – e.mail: info@vanoli.net

    • Il “Dr” Vanoli scrive un sacco di sciocchezze, impossibili da smentire perché assolutamente fumose e ideologiche.

      Basti per tutte la sua affermazione conclusiva secondo cui “qualsiasi malattia puo’ essere indotta dai vaccini”.

      Non ha perciò senso provare a replicare a quelle affermazioni.

      Ci sono però un paio di cose su cui è facile fare un po’ di chiarezza. Vanoli si firma Dr Vanoli, ma non è medico (bisogna andare sul suo sito per scoprirlo) e non è neanche giornalista, perché l’Albo speciale (in realtà “elenco” speciale annesso all’albo) serve proprio per chi senza essere giornalista vuole dirigere una rivista “tecnica”.
      Anche nei due curricula che pubblica nel sito in cui pubblicizza i propri scritti si dichiara giornalista, e anche lì usa la definizione in modo improprio (e certo scrive una cosa non vera quando si dichiara “pubblicista”).

      http://www.mednat.org/curriculum.htm
      http://www.mednat.org/curriculum_2.htm

      Ciascuno può verificare di persona sul sito dell’Ordine dei giornalisti della Lombardia che cos’è in realtà l’elenco speciale che il signor Vanoli cita a sproposito (http://www.odg.it/content/chi-si-pu%C3%B2-iscrivere-all%E2%80%99elenco-speciale-annesso ) e avere conferma del fatto che il suo nome non salta fuori quando si consulta il database degli iscritti all’Albo professionale (dei professionisti e dei pubblicisti: http://www.odg.mi.it/albo/albo.php ).

      Big Pharma ha fatto e fa un sacco di porcherie, ma anche tra chi si oppone alle porcherie di Big Pharma c’è chi non la conta giusta.

  2. cio’ che è scritto nell’articolo non è vero, si è solo “stabilito” (ovvero insinuato) che il coraggioso medico che denuncia i danni da vaccini non avrebbe seguito alcune procedure del tutto secondarie

    La rivista medica The Lancet pubblica un brevissimo comunicato in cui ritira uno studio del Dr. Wakefield e Collaboratori pubblicato ben 12 anni fa che asseriva ci fosse una relazione tra il vaccino MPR (contro morbillo, parotite e rosolia) e l’autismo. La notizia viene immediatamente ripresa dai media e viene diffusa come se la relazione tra vaccino MPR e autismo fosse una menzogna, cosa che il suddetto comunicato non ha assolutamente affermato. Tutto questo sorprende per molte ragioni.

    Il Lancet critica lo studio per una inesattezza marginale e i media pubblicano comunicati che negano che il vaccino MPR causi l’autismo

    Gli Editors del The Lancet non negano assolutamente la relazione tra vaccino e autismo, ma si limitano in modo sinteticissimo ad affermare che hanno deciso di ritirare dal registro delle loro pubblicazioni il lavoro di Wakefield e Colleghi semplicemente perché ritengono che contenga delle scorrettezze che essi stessi riportano: i bambini oggetto dello studio non erano stati arruolati consecutivamente e la ricerca non era stata approvata dal Comitato Etico, come invece gli Autori avevano asserito.

    Allora mi chiedo: perché si passa da alcune irregolarità di “forma” (che comunque vanno dimostrate, perché Wakefield aveva negato decisamente queste critiche) a etichettare tutto lo studio come una truffa e infangare completamente i suoi risultati? Forse che se lo studio avesse avuto o meno l’approvazione del Comitato Etico i risultati laboratoristici (referti ematochimici e istologici), e quindi la vera “sostanza” della ricerca, non sarebbero stati validi?

    E poi, perché queste critiche sono giunte ora dopo 12 anni? Verrebbe da pensare che si volesse ridare credito ai vaccini che in questi giorni, a causa della bufala della vaccinazione antinfluenzale A/H1N1 (detta “Suina”), erano stati gravemente svalutati.

    • Devi sapere che in Inghilterra la legge sula diffamazione a mezzo stampa protegge a tal punto i cialtroni e i malfattori da aver portato a un vero e proprio turismo giudiziario, perché se si riesce a fare causa in Gran Bretagna si ottiene quasi sempre la condanna di chi denuncia una truffa (qui nel blog c’è un banner alla campagna “Keep libel laws out of science”).
      Sul “coraggioso medico” e sui suoi magheggi disonesti aveva già scritto tutto il giornalista Brian Deer sul Times (ne ho scritto anche io).
      Lancet non ha avuto bisogno di scrivere nulla per smentire il nesso, perché è lapalissiano che se viene ritirato lo studio che affermava per primo di aver rilevato una relazione tra due fatti, quella relazione non ha nessun bisogno di essere smentita: semplicemente non è mai stata dimostrata, non è mai esistita.
      La ritrattazione di uno studio è un evento che accade solo in casi davvero eccezionali di comportamenti eccezionalmente scorretti.

      La “forma” che citi minimizzando è in realtà sostanza: il fatto che i pazienti non fossero consecutivi, ma fossero lì perché gli era stato fissato un appuntamento, è la prima manipolazione macroscopica, come capisce chiunque conosca l’ABC della ricerca clinica. Se sono consecutivi, infatti, sono infinitamente più significativi. Dopodiché il giornalista è andato per primo a guardare le cartelle cliniche, scoprendo che molte delle cose descritte nello studio sono state inventate di sana pianta, tanto che al termine della tardiva indagine dell’Ordine dei Medici britannici il “coraggioso medico” è stato non solo censurato pesantemente, ma proposto per la radiazione dall’Ordine).

  3. ho capito, adesso mi dicii pure che le scie degli aerei quando coprono completamente il sole su mezza nazione, sono un’illusione ottica🙂

    • No.
      Dico che non c’è nessun nesso tra vaccini e autismo (e tanto meno tra loro e le scie o presunte scie).

      Il fatto che metti insieme le cose, però, la dice lunga sulla tua capacità di analisi di come funziona la scienza.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: