Le notizie corrono, ma dove vanno?

Il “quasi incidente” che ha spinto gli astronauti della Stazione Spaziale Internazionale a trasferirsi per dieci minuti – in via precauzionale – sul modulo Soyuz fino a quando non è stato scampato il rischio di collisione con un oggetto di un chilo di peso che avrebbe danneggiato la Stazione e obbligato l’equipaggio a un rientro di emergenza è stato trattato dai media italiani con la consueta approssimazione.
Come è stato spiegato con chiarezza sul blog “Storie Spaziali” di Claudia Di Giorgio (da lei stessa e da un lettore molto addentro alla materia) è stato un evento emozionante, e la preoccupazione che ha creato è in buona parte giustificata, ma non grave come è stato presentato da molti: si trattava di un eventualità molto remota che si verificasse un fatto già previsto e messo in conto, ma assai grave, per cui erano giustificate tutte le procedure di sicurezza.
Tuttavia, come sottolinea nel resoconto della sua esperienza personale vissuta su Twitter il collega americano David Harris nel suo blog, gran parte dell’apprensione è nata verosimilmente dalla possibilità di potersi immergere in tempo reale (tantopiù su twitter, come il suo post in inglese mostra con chiarezza) in un evento che a posteriori non avrebbe meritato la nostra attenzione.
Il suo “case study” solleva un quesito interessante, già affrontato in passato quando altre tecnologie prima di Twitter (fra parentesi, da poco ho cominciato a frequentarlo anche io, per ora “cinguettando” in inglese) hanno imposto un’accelerazione nella produzione e nella fruizione delle notizie, alterando il panorama di riferimento.
Mi fa venire in mente una vecchia canzoncina che mi cantavano quando ero bambino:

“Partirà, la nave partirà.
Dove arriverà, questo non si sa.
Sarà come l’Arca di Noè
Il cane, il gatto io e te”.

E’ un tema interessante, su cui penso che tornerò presto.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: